Home - Solo Cose Belle il film
19843
home,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-19843,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.2,header_top_hide_on_mobile,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive

SOLO COSE BELLE

Le cose belle prima si fanno e poi si pensano

Solo cose belle è la storia di Benedetta, una popolare ragazza sedicenne, e del suo incontro con una bizzarra casa famiglia, appena arrivata nel suo piccolo paese dell’entroterra riminese.

La casa famiglia – rumorosa e stravagante – conta un papà e una mamma, un richiedente asilo appena sbarcato, una ex-prostituta con figlia piccola, un giovanissimo carcerato, due ragazzi con gravi disabilità e un figlio naturale.

Benedetta è invece la figlia del sindaco, costretta ad adeguarsi a un ruolo sociale che – come scoprirà – non le piace, e a un ideale di perfezione, anche estetico, che in realtà la rende infelice.

È proprio lei – anche attraverso la sua storia d’amore con Kevin, uno dei ragazzi della casa – a guidarci in questo mondo ai margini, in cui tutti sembrano “sbagliati” o “difettosi”, ma in realtà sono solo davvero umani.

Ed è poi l’intero paese, che si prepara con passione alle prossime elezioni comunali, a essere coinvolto e sconvolto da questo incontro, tra momenti divertenti e altri drammatici, tra balli, risa, lacrime, barchette di carta, piadine e sgomberi, finché, in una notte difficile, tutto precipita e sembra perduto.

In realtà, al di là delle scelte dei singoli, nulla potrà più essere come prima.

Il trailer del film

L’IDEA

Un film che non parte da zero

La Comunità Papa Giovanni XXIII, fondata da Don Oreste Benzi, è un’associazione diffusa su tutto il territorio nazionale e internazionale, nota per il suo impegno a favore degli ultimi, degli emarginati e in genere delle categorie più povere della società.

Il film rappresenta la ricchezza di questo mondo e ne coglie gli aspetti più interessanti e attuali.

C’è un pubblico naturale, “vocazionale”, per questo film: è rappresentato dal mondo dell’associazionismo, del volontariato, delle cooperative sociali e, più in generale, da tutte le persone che si interessano ai destini e alle vite degli altri.

Perché Solo cose belle è un film dedicato all’attenzione per gli altri e al rispetto della diversità.

La produzione del film è stata, quindi, essa stessa attenta e rispettosa nei confronti di storie, situazioni e persone in difficoltà; perciò ex carcerati, ex prostitute, ex tossicodipendenti ed ex senza fissa dimora hanno collaborato al film a supporto della produzione.

REALTÀ COINVOLTE

Solo cose belle è un film prodotto da Coffee Time Film, società di produzione audio-visiva con sede a Rimini e da Sunset Produzioni, casa di produzione forlivese, in collaborazione con l’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII, con la partecipazione della Cooperativa La Fraternità, della Cooperativa Il Calabrone Cremona e di altre aziende sponsor.
Il film ha ottenuto il finanziamento della Film Commission Emilia-Romagna.

Il gruppo di lavoro di Solo cose belle

LA PRODUZIONE

Il film è prodotto da Coffee Time Film di Kristian Gianfreda, società di produzione cinematografica con sede a Rimini, e Sunset Produzioni, cooperativa forlivese che ha prodotto nove film documentari girati tra Italia, Tunisia, Francia e Libano. Con i suoi film Sunset ha vinto importanti riconoscimenti nazionali e internazionali, tra cui il Premio Ilaria Alpi per la migliore produzione.

La possibilità del film è nata quando alcune figure chiave della produzione hanno messo la propria passione e la propria professionalità a disposizione di un progetto ritenuto importante e prezioso, soprattutto in questo momento.

Tale professionalità si è incontrata e armonizzata con la realtà che Solo cose belle vuole raccontare e con chi questa realtà la conosce e la vive, legandosi fortemente al territorio e trovando in istituzioni, associazioni locali, comuni e parrocchie un supporto importante, fatto sì di entusiasmo ma anche di spazi, facilitazioni e risorse.

Il lungo lavoro compiuto sulla sceneggiatura, lo studio delle location e la pianificazione del casting sono frutto di questo contributo e di un lavoro che ha cercato di non lasciare indietro nessuno e di raccontare in maniera adeguata qualcosa di raro e coinvolgente.

LA REGIA

La regia è di Kristian Gianfreda che da vent’anni realizza spot, documentari sociali e cortometraggi. È alla sua prima esperienza cinematografica.
Portare la diversità sullo schermo è il suo mestiere: con la telecamera ha sempre cercato di rendere protagonisti, dandogli voce e dignità, disabili, ragazze di strada, profughi, senza fissa dimora e gli ultimi del mondo.

I ruoli delle persone con disabilità sono interpretati da persone realmente disabili: il film nasce dal mondo della Comunità Papa Giovanni XXIII, e per questo ne rappresenta la ricchezza e ne coglie gli aspetti più interessanti e attuali. È pensato come strumento di diffusione dei valori della cooperazione sociale che la Comunità porta avanti, oltre che come opera artistica. Racconta di persone ai margini, e vuole renderle protagoniste, sul set e fuori. Vuole davvero dare un senso alla trasformazione della diversità da ostacolo in risorsa.

Lo stesso processo produttivo ricopre una grande importanza perché è un percorso che ha coinvolto mondi diversi che solitamente non hanno la possibilità di collaborare: attori professionisti, disabili, persone socialmente stigmatizzate, studenti delle scuole superiori, tecnici del settore cinematografico.

LA SCENEGGIATURA

La sceneggiatura è stata scritta da Andrea Valagussa, già autore, tra gli altri, di Un medico in famiglia (RAI1), La strada di casa (RAI1), Don Matteo (RAI1), Che Dio ci aiuti (RAI1), A un passo dal cielo (RAI1) e Distretto di Polizia (Canale 5), Marco Brambini, Andrea Calaresi, Filippo Brambilla, Matteo Lolletti, Kristian Gianfreda, Susanna Ciucci.

LO STAFF

Solo cose belle è stato girato interamente a Rimini e dintorni dal 22 agosto al 18 settembre 2018, con una troupe di quasi 40 persone e di 22 attori, di cui alcuni portatori di handicap.
Fra gli attori principali si ricordano: Idamaria Recati, Luigi Navarra, Giorgio Borghetti, Carlo Maria Rossi e Barbara Abbondanza.

 

IL CASTING

Il casting è stato diretto da Ruggero Sintoni (Accademia Perduta/Romagna Teatri), produttore teatrale e cinematografico.
Gli attori sono stati seguiti durante le riprese dall’actor coach Stefano Alleva, registra teatrale, di film (Affari di Famiglia) e di serie tv (Elisa di Rivombrosa, Un medico in famiglia, Un posto al sole).